Passa ai contenuti principali

"la Centoquattrite" ...i 104 di Paolo Buro

L'amico Paolo Buro ci invia le foto dei suoi meravigliosi F104 statici e mette in guardia tutti su un virus molto diffuso...chiamato "Centoquattrite"..si prega di leggere il testo che segue le foto.

Ma soffermiamoci un attimo sui modelli, i quali sono tutti in scala 1/48 da kits Hasegawa ai quali è stato sostituito il seggiolino con uno molto più dettagliato in resina della Aires.
Sono stati inoltre effettuati dove necessario tutti gli interventi relativi alla conversione dalla versione "G" in S-ASA quali:
-modifica delle prese d'aria, angolazione della pinna centrale, dispositivo GPS dietro al pilota, aggiunta delle ventral finn, chiusura del cannone, ecc...
Tutti i modelli sono verniciati utilizzando esclusivamente colori acrilici all'acqua Gunze o Tamyia (trasparenti compresi), adeguatamente diluiti e stesi ad aerografo.
Per i 3 Special Color (TF - 999 e Black Beauty) sono state utilizzate le decal da scatola, mentre per i mimetici con livrea standard Nato grigio-verde ho usato il foglio decal della Sky Models.
La Strega Special Color del 28°, invece, ha le decal della Tauro Model.
Piloni, serbatoi sub alari supplementari e i vari pod centrali (SUU-21 e Orpheus) sono in resina e forniti da Shangri-La Model di Treviso.


Paolo Buro

















Commenti

Post popolari in questo blog

Come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C

Guida su come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C eliminando completamente il modulo FM ATTENZIONE! L’autore dell’articolo (e lo staff di Modellismo.me)  non si assume nessuna responsabilità in caso di danni alle vostre trasmittenti! NB: Questa procedura è per chi non ha bisogno del collegamento Allievo/Maestro o per un eventuale collegamento al PC in quanto il modulo FM, che verrà completamente eliminato, ha al suo interno anche l’attacco per il collegamento esterno! Iniziamo! Innanzitutto mi sembra evidente che per prima cosa sia necessario togliere la plastica posteriore della nostra 7C tramite le 4 viti apposite posizionate quasi ai bordi della stessa. Una volta tolto avremo d’avanti: A questo punto tagliare tutti i cavi collegati al modulo FM mentre per l’antenna svitare le viti ai capi dei fili. Dopo aver tolto il modulo FM e la relativa antenna sfilandola dall’alto siamo pronti per inserire lo switch a corredo

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo Testo e Foto di Giuseppe Cirillo  Benvenuti in questa utile e semplice guida che vi spiegherà come progettare e costruire il vostro paracadute. Che voi vogliate costruire un paracadute da lancio oppure un paracadute balistico per interi aeromodelli poco importa, bisogna solo modificare alcuni aspetti di progetto che elencherò in seguito è il gioco è fatto,prima di passare alla progettazione vi auguro   buon lavoro e felici atterraggi! 1° fase scelta della velatura e della sua grammatura. Di solito nel 90% dei casi la velatura e composta da materiale plastico,useremo proprio quest’ultimo per realizzare il nostro paracadute(il materiale lo recuperiamo dalle semplici buste per la spesa) la grammatura(densità della busta da spesa) da scegliere dipenderà dal carico che dovrà sopportare la vela quindi,                                                                                                                         

F3A VINTAGE

Il Galaxy Vintage...ovvero gli aeromodelli degli anni 60/70/80 e primi anni del 90 che, grazie alla disponibilità dei famosi progettisti e piloti dell'epoca e non, ma soprattuto grazie alla voglia di aggregare tutti gli appassionati del modellismo d’epoca a cura del promotore di categoria Cristiano Giustozzi, stanno rivivendo oggi sui campi di volo, una nuova giovinezza. Il Kosmo Un modo per ricordare queste vecchie glorie e anche per far conoscere, ai giovani modellisti di oggi, degli aeromodelli e una disciplina notevole, di quando si faceva acrobazia "balistica" con aeromodelli spinti da motori 2 tempi 10cc con scarichi accordati e non. I modellisti italiani sono stati tra i più famosi in questa categoria, e sfornarono modelli bellissimi e vincenti. Basta ricordare il Kosmo ed il Komet con cui volavano Benito Bertolani e Beppino Bertolozzi, pluricampioni di categoria, il Galaxy che sotto gli abili pollici di Ruggero Pasqualini fu protagonista di lanci m