Passa ai contenuti principali

AG-4 Crusader American Gyro by Albyone

Ancora un modello di Albyone...e che modello...bellissimo, affascinante aeroplano, splendida realizzazione! Grande Alby! non aggiungo altro..fiondatevi ad ammirare le foto della costruzione passo-passo..e commentate amici!
Costruzione interamente lignea con copertura in Modelspan
Ap.alare 163 cm
Lunghezza 100cm
Superficie alare 46 dm2
Carico alare 22 grammi/dm2 (praticamente una farfalla )

Disegno realizzato a partire da trittico. Fusoliera con DevFus mentre le ali con disegno a mano (prima o poi rimetto insieme i pezzi e vedo di fare un disegno per renderlo costruibile da tutti)
Peso in ODV 2300 grammi.
Due motori elettrici da 1230Kv con due regolatori da 30A
Batteria tre celle da 2200mA


























































IL VIDEO DEL COLLAUDO

E' arrivato il momento di scrivere due righe sulla storia travagliata di questo aereo e capire così le difficoltà avute per trovare del materiale.

DAL DIARIO DEL PRIMO VOLO

“Con sede a Denver, CO, NX14429 arrivato da El Paso, TX Giovedi 21November 1935. Il suo pilota è stato John Cordner. Portava un solo passeggero, identificato come "Shelton". Al momento ha firmato il nostro registro il suo passeggero Tom Shelton che era il pilota collaudatore(Shelton ha progettato il Crusader, vedi sotto).”

La grande depressione economica degli Stati Uniti era al suo punto più basso nel 1933. Non era il momento di progettare e costruire un aeroplano di nuova e rivoluzionaria concezione. In un garage abbandonato situato sulla Arapahoe Street, nel centro di Denver, Colorado, Thomas Miles Shelton progettava e costruiva il nuovo Crusader fra il 1934 e il 1935. Non era certo il luogo più adatto per costruire un aereo rivoluzionario.
Questo aereo è l'unico del suo genere mai costruito.
L'aereo è un AG-4 Crusader, prodotto nel 1935 dalla Società American Gyro. In origine era chiamato il Shelton Flying-Wing, anche se non assomigliava a qualsiasi tipo di aereo ad ala volante. Era un aereo interamente in metallo, bitrave, bimotore. La fusoliera era una navicella sospesa tra i bracci. Nella versione originale non aveva carrelli retrattili. Più tardi, nel 1935, il carrello di atterraggio è stato modificato e reso a scomparsa. Nella versione a carrello fisso c'erano grandi carenature intorno alle ruote. Alcuni considerano il progetto come un precursore del Lockheed P-38 caccia della seconda guerra mondiale. I motori erano due Menasco C-4 da 125CV.
Nella pubblicità iniziale si indicava che l'aereo avrebbe raggiunto una velocità massima di 233 mph, una velocità di crociera di 210 mph e, in fase di atterraggio, 55 mph. Le prove in volo all'inizio del 1935 avevano mostrato una velocità superiore a 180 mph a 8000 metri, più o meno equivalente a 209 mph a livello del mare. La velocità di atterraggio era di 60 mph con flaps estesi. Grazie a questi numeri il Crusader è stato un grande interprete per il suo tempo.
Shelton è stato un ingegnere aeronautico autodidatta.
Nel 1936 la American Gyro ha venduto i piani del Crusader alla Aircraft Company Timm, che ha proposto di costruire l' AG-7 a carrello retrattile. Tuttavia i problemi di finanziamento hanno impedito ogni ulteriore sviluppo e / o produzione. L'aereo è stato smantellato intorno al 1941 e conservato in un hangar in Van Nuys, in California. E 'stato distrutto a causa dell'incendio dell'hangar.

Ciao

 http://albyone.altervista.org/

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C

Guida su come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C eliminando completamente il modulo FM ATTENZIONE! L’autore dell’articolo (e lo staff di Modellismo.me)  non si assume nessuna responsabilità in caso di danni alle vostre trasmittenti! NB: Questa procedura è per chi non ha bisogno del collegamento Allievo/Maestro o per un eventuale collegamento al PC in quanto il modulo FM, che verrà completamente eliminato, ha al suo interno anche l’attacco per il collegamento esterno! Iniziamo! Innanzitutto mi sembra evidente che per prima cosa sia necessario togliere la plastica posteriore della nostra 7C tramite le 4 viti apposite posizionate quasi ai bordi della stessa. Una volta tolto avremo d’avanti: A questo punto tagliare tutti i cavi collegati al modulo FM mentre per l’antenna svitare le viti ai capi dei fili. Dopo aver tolto il modulo FM e la relativa antenna sfilandola dall’alto siamo pronti per inserire lo switch a corredo

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo Testo e Foto di Giuseppe Cirillo  Benvenuti in questa utile e semplice guida che vi spiegherà come progettare e costruire il vostro paracadute. Che voi vogliate costruire un paracadute da lancio oppure un paracadute balistico per interi aeromodelli poco importa, bisogna solo modificare alcuni aspetti di progetto che elencherò in seguito è il gioco è fatto,prima di passare alla progettazione vi auguro   buon lavoro e felici atterraggi! 1° fase scelta della velatura e della sua grammatura. Di solito nel 90% dei casi la velatura e composta da materiale plastico,useremo proprio quest’ultimo per realizzare il nostro paracadute(il materiale lo recuperiamo dalle semplici buste per la spesa) la grammatura(densità della busta da spesa) da scegliere dipenderà dal carico che dovrà sopportare la vela quindi,                                                                                                                         

F3A VINTAGE

Il Galaxy Vintage...ovvero gli aeromodelli degli anni 60/70/80 e primi anni del 90 che, grazie alla disponibilità dei famosi progettisti e piloti dell'epoca e non, ma soprattuto grazie alla voglia di aggregare tutti gli appassionati del modellismo d’epoca a cura del promotore di categoria Cristiano Giustozzi, stanno rivivendo oggi sui campi di volo, una nuova giovinezza. Il Kosmo Un modo per ricordare queste vecchie glorie e anche per far conoscere, ai giovani modellisti di oggi, degli aeromodelli e una disciplina notevole, di quando si faceva acrobazia "balistica" con aeromodelli spinti da motori 2 tempi 10cc con scarichi accordati e non. I modellisti italiani sono stati tra i più famosi in questa categoria, e sfornarono modelli bellissimi e vincenti. Basta ricordare il Kosmo ed il Komet con cui volavano Benito Bertolani e Beppino Bertolozzi, pluricampioni di categoria, il Galaxy che sotto gli abili pollici di Ruggero Pasqualini fu protagonista di lanci m