Passa ai contenuti principali

Storia dei Jet militari in Italia...con Maurizio Ugo


Oggi ripercorriamo in parte, la storia dei Jet militari in Italia in un modo particolare, lo faremo infatti, tramite i modelli in scala 1/72, del sempre prolifico Maurizio Ugo.

I primi aviogetti militari ad entrare in servizio, nelle file dell'Aeronautica Militare Italiana, furono i De Havilland Vampire, arrivati nel 1951, successivamente si susseguirono macchine di concezione e produzione americana come:

l' F 84G Thunderjet, riprodotto con i colori dell'allora 5a Aerobrigata e del 51° Stormo
  



  

l'F 84F Thunderstrike 
  

  

dell'"84" fu prodotta la versione da Ricognizione, denomina a RF-84F Thunderflash, da sempre definito il miglior ricognitore della nostra Aeronautica Militare
  
  

ecco l' F 86E Sabre prodotto dalla Canadair per la RAF e succesisvamente ceduto all'AMI
  
 
con l'F-86K la nostra industria ebbe un salto generazionale notevole, questa versione infatti, non solo fu il primo Caccia Intercettore ogni-tempo, ma fu anche il primo costruito su licenza dalla FIAT.
Soprannominato affettuosamente "Kappone", venne sostiuito qualche anno più tardi dall'allora nuovo Caccia Bisonico F-104G.

  

  

Ricordiamo poi anche l'addestratore americano T-33
  



Ma i nostri progettisti non stavano certo a guardare...anzi...negli anni '50 videro luce, oltre ad alcuni prototipi come il Fiat G-80,  l'Ariete e il Sagitatrio, anche due velivoli entrati a pieno diritto nella storia, come il bellissimo Fiat G91 del duo Gabrielli/Fiat, che Maurizio ci mostra nella versione "pre-serie"
  




nella versione " R " 
  


nella versione " T " da addestramento avanzato

  
  

  e nella versione " PAN " delle nostre Frecce Tricolori, dove ha prestato servizio dal 1963 al 1982 quando venne sostituito dal MB-339
  

  

un'altro successo, tutto Made in Italy fu quello del mitico "Macchino", il famoso addestratore MB326 nato dalla mente dell'Ing. Ermanno Bazzocchi e costruito dall'Aermacchi. Questo velivolo "addestrò" tanti piloti non solo italiani e rimase in servizio per tanti anni, anche nelle squadriglie collegamenti, come questo velivolo del 9° Stormo. Venne sostituito, con altrettanto successo dal già citato MB339.


concludiamo la carrellata di questi bei modelli, mostrandovi la riproduzione del Tornado IDS, quì rappresentato con i colori del 36° Stormo 156° Gruppo di Gioia del Colle.


alcuni velivoli mancheranno, ma il nostro scopo era mostrare i modelli costruiti da Maurizio. Mancherà l'F104 che però potrete trovare in un articolo precedente, dedicato interamente a questo meraviglioso velivolo, con altrettanti meravigliosi modelli sempre by Maurizio Ugo.



Commenti

Post popolari in questo blog

Come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C

Guida su come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C eliminando completamente il modulo FM ATTENZIONE! L’autore dell’articolo (e lo staff di Modellismo.me)  non si assume nessuna responsabilità in caso di danni alle vostre trasmittenti! NB: Questa procedura è per chi non ha bisogno del collegamento Allievo/Maestro o per un eventuale collegamento al PC in quanto il modulo FM, che verrà completamente eliminato, ha al suo interno anche l’attacco per il collegamento esterno! Iniziamo! Innanzitutto mi sembra evidente che per prima cosa sia necessario togliere la plastica posteriore della nostra 7C tramite le 4 viti apposite posizionate quasi ai bordi della stessa. Una volta tolto avremo d’avanti: A questo punto tagliare tutti i cavi collegati al modulo FM mentre per l’antenna svitare le viti ai capi dei fili. Dopo aver tolto il modulo FM e la relativa antenna sfilandola dall’alto siamo pronti per inserire lo switch a corredo

Benito Bertolani su Modellismo che Passione!

Cari amici di Modellismo che Passione, oggi abbiamo l'onore di raccontarvi il curriculum/palmares di uno dei più famosi modellisti italiani nel mondo, Pluricampione in diverse categorie e produttore di famosi aeromodelli...il Grande Benito Bertolani. Benito scopre l'aeromodellismo all'età di nove/dieci anni, iniziando con il volo libero nella categoria veleggiatori. A 25 anni si sposa con Mariella e riprende l'attività modellistica, alternando al volo libero, quello radiocomandato, ottenendo in entrambe categorie, pur notevolmente diverse tra loro, importanti risultati. Nel Settembre del 1970 a Bologna, in due giornate, vince tutte le selezioni per l'ammissione al Campionato Italiano Categoria Radiocomandata (F3A) ed il secondo giorno vince con ampio punteggio il Primo Campionato Italiano, entrando così di diritto nella "Nazionale Italiana", per partecipare ai Campionati del Mondo in Programma negli USA in Pensilvania nel 1971 Da quel gi

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo Testo e Foto di Giuseppe Cirillo  Benvenuti in questa utile e semplice guida che vi spiegherà come progettare e costruire il vostro paracadute. Che voi vogliate costruire un paracadute da lancio oppure un paracadute balistico per interi aeromodelli poco importa, bisogna solo modificare alcuni aspetti di progetto che elencherò in seguito è il gioco è fatto,prima di passare alla progettazione vi auguro   buon lavoro e felici atterraggi! 1° fase scelta della velatura e della sua grammatura. Di solito nel 90% dei casi la velatura e composta da materiale plastico,useremo proprio quest’ultimo per realizzare il nostro paracadute(il materiale lo recuperiamo dalle semplici buste per la spesa) la grammatura(densità della busta da spesa) da scegliere dipenderà dal carico che dovrà sopportare la vela quindi,