Passa ai contenuti principali

Model Touring 2014 4° fiera del modellismo Centro Ibisco Città Sant. Angelo (PE)

Model Touring 2014



Sino a pochi giorni fa, seguivamo con attenzione le previsioni meteo, nella speranza di sapere se il fine settimana avrebbe garantito tempo bello e stabile e per fortuna, così è stato. 
Ed allora, grazie alla  forza, tenacia, determinazione, professionalità  e  teutonica meticolosità, degli amici del gruppo Archimede Italia di Chieti e con esso l’arcinoto Ikaro modellismo,  abbiamo avuto modo, noi modellisti d’ogni settore e provenienti d’ogni parte d’Italia, di vivere il 18 e 19 ottobre 2014, due meravigliose giornate  in Città Sant. Angelo (PE).


 Se il modellismo è l’arte della miniaturizzazione d’ogni cosa, varcando le porte di quella struttura, siamo entrati in  un vero e proprio “Tempio” di questa disciplina e non solo.
Oltre seimila mq di spazi  disponibili di cui ben cinquemilaseicento coperti in 2 padiglioni, danno l’idea della grandiosità dell’evento, che ha visto ben oltre 240 espositori ( per noi modellisti essere identificati come espositori suona strano ma ci va bene comunque …) e se poi ci metti pure che nelle due giornate, sono  stati staccati oltre 4000 tickets  d’ingresso…si ha la conferma della viva partecipazione alla manifestazione e della sua piena riuscita, grazie, ed è il caso di dirlo, all’impegno di tutti!

Il venerdì, con “berlinese”  organizzazione sono stati allestiti  gli stand per settore ed all’interno di questo, dei sottosettori, tanto da garantire a ciascun partecipante di presentare la propria “ opera ” anche in azione dinamica, in piena tranquillità di spazi.



Come da tradizione, da padrone, l’hanno fatta i settori dell’aeromodellismo aereo ed elicotteristico, quest’ultimo  nell’area attrezzata con esibizioni  in singolo, in squadra e  con concessione temeraria (attesa la  ristretta aera disponibile), anche acrobatica ma in ogni caso in piena sicurezza. 
 

 Non sono mancate le esibizioni di aeromodelli a propulsione elettrica di piccole dimensioni  in volo “danzante” ovvero  in accompagnata armonia musicale. 

 

 Degni di rilievo sono stati i maxi (ma maxi ed ancora più…) modelli del perfezionista Fabrizio Casucci; i maestosi Alenia C27J Spartan e Douglas DC3 dell’immancabile Gigi Iadevaio; 


 

il grazioso Cri Cri ed il Pucarà di Vito Maglie e lo storico SVA 5 di Paolo Cricenti, ma i tanti e tanti altri presenti  erano solo da vedere più che descrivere.   

 
Il settore ferroviario ha riprodotto i paesaggi tipici del centro Italia, dove la minuzia di particolari non ha trovato limiti. 



Tra i gruppi onnipresenti quello romano e quello perugino a contendersi i primati dei particolari micrometrici …
 


 Il settore degli automezzi e delle macchine operatrici in piena attività, hanno intrattenuto come sempre la curiosità del pubblico. 
 
Questo, ed in specie i piccoli, hanno trovato vasto divertimento nel partecipare a gare di F 3 su pista ed a cimentarsi nell’apprendere le tecniche di pilotaggio di aerei ed elicotteri al simulatore con schermo gigante, in modo da rendere quasi reale l’esperienza. E qui il nostro caro amico Nicola Marini del gruppo aeromodellistico di San Severo (a rappresentanza della FANI  - Associazione Aeromodellistica  Nazionale ) e la sua onnipresente ed instancabile  figliola Sabrina, hanno dovuto “fatigà“ non poco (specie con  gli adulti…) per gestire gli assetati ed  imperterriti che si accodavano per il turno…

Il settore dell’affascinante modellismo storico/navale (e…chi non vorrebbe avere un bel “vascello” in salotto o nello studio di casa propria?), quest’anno ha coinvolto anche me, che lo seguo unitamente a quello dell’antica artiglieria antica, in forma più rarefatta. I modelli presenti sono stati dei classici come il Sovering, i miei Bounty  ed Antares, la Santissima Trinidad di Di Crecchio ed altri in fase costruttiva proprio per rappresentare la complessità della costruzione.

Infine la chicca dell’occasione, ovvero il classico battello fluviale  nordamericano con motrice a vapore funzionante (!!!). 




 Il particolare incontrato in questa edizione è stato senza dubbio il modellismo artistico, ma qui siamo decisamente nel campo dell’arte  vera senza se e senza ma,  ovvero quello riguardante il tema dei monumenti e chiese tipiche, nella fattispecie quelle delle città abruzzesi, realizzati in listelli di comune canna! 

Come a colpire l’attenzione dei tanti è stata la macchina trebbiatrice d’altri tempi perfettamente funzionante  con il  suo trattore   azionante la cinghia in cuoio per la meccanica.
  

 

Vasto anche quest’anno il settore dedicato all’automodellismo statico e dinamico, sia civile e militare; armamenti e mezzi corazzati; 


 

fuoristrada in grado di 
arrampicarsi anche su una scala(…) nonchè  quello dei diorami e degli scenari riprodotti con incredibile minuzia .


Ma doverosamente e meritatamente  non posso non cennare al settore, che fra l’altro vedo per la prima volta,ovvero quello degli strumenti musicali chitarre classiche ed elettroniche e violini d’altri tempi, appartenuti ai grandi della musica e del rock, riprodotti  nell’ infinitesimo, naturalmente suonanti, o come quello degli attrezzi da lavoro agricolo.


Ci sarebbe tanto e tanto ancora da raccontare in proposito,  avendo anche quest’anno constatato che queste arti, Hobby, discipline  o comunque le si voglia definire, non  conoscono limiti e confini! In somma, e con tanto piacere, possiamo dire che tra una idea e ciò che poi si trova realizzato su uno di questi stand vi è solo una grande forza propulsiva, quella della passione e della dedizione! 
Ed allora arrivederci alla 5° edizione 2015 e non ve la perdete…
E’ una grande occasione!
 
                                                        Antonio Russo 



si ringrazia anche il Fly Model Club Matteo Cristalli di San Severo e a Gianluca Sciarra per le foto concesse (N.d.E.)
    





Commenti

Post popolari in questo blog

Come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C

Guida su come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C eliminando completamente il modulo FM


ATTENZIONE! L’autore dell’articolo (e lo staff di Modellismo.me)  non si assume nessuna responsabilità in caso di danni alle vostre trasmittenti!
NB: Questa procedura è per chi non ha bisogno del collegamento Allievo/Maestro o per un eventuale collegamento al PC in quanto il modulo FM, che verrà completamente eliminato, ha al suo interno anche l’attacco per il collegamento esterno!
Iniziamo! Innanzitutto mi sembra evidente che per prima cosa sia necessario togliere la plastica posteriore della nostra 7C tramite le 4 viti apposite posizionate quasi ai bordi della stessa. Una volta tolto avremo d’avanti:
A questo punto tagliare tutti i cavi collegati al modulo FM mentre per l’antenna svitare le viti ai capi dei fili.

Dopo aver tolto il modulo FM e la relativa antenna sfilandola dall’alto siamo pronti per inserire lo switch a corredo con il modulo DHT. Noi possessori della 7C siamo fort…

MB-339 di Martinucci...come realizzarlo in Depron

Cari amici, oggi vi mostro, tramite delle semplici foto, com'è possibile realizzare un MB339 dai piani di Maurizio Martinucci, usando totalmente del Depron anzichè in Polistirene:
Come potete notare dalle foto, sicuramente più esaustive, nelle zone in cui bisognerà arrotondare la fusoliera...e di conseguenza..togliere più materiale, dovrete raddoppiare i bordi in Depron.
Per riferimento, usate le 3 ordinate che si vedono nel disegno..ma che nella versione originale in polistirene hanno solo scopo indicativo.
Anche i serbatoi alari sono in Depron, mentre gli alettoni e il profondità è in Balsa come per la versione originale.
Il progetto lo trovate quì:  http://www.mauriziomartinucci.com/mb339.php










Se poi invece volete realizzarlo in polistirene, come del resto nasce in origine, eccovi qualche immagine di modelli finiti:


quì invece vediamo l'esemplare personale del progettista Maurizio Martinucci

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo Testo e Foto di Giuseppe Cirillo 

Benvenuti in questa utile e semplice guida che vi spiegherà come progettare e costruire il vostro paracadute. Che voi vogliate costruire un paracadute da lancio oppure un paracadute balistico per interi aeromodelli poco importa, bisogna solo modificare alcuni aspetti di progetto che elencherò in seguito è il gioco è fatto,prima di passare alla progettazione vi augurobuon lavoro e felici atterraggi! 1° fase scelta della velatura e della sua grammatura. Di solito nel 90% dei casi la velatura e composta da materiale plastico,useremo proprio quest’ultimo per realizzare il nostro paracadute(il materiale lo recuperiamo dalle semplici buste per la spesa) la grammatura(densità della busta da spesa) da scegliere dipenderà dal carico che dovrà sopportare la vela quindi, paracadute piccolo(diametro <45 cm)-carico leggero-densità della busta leggera (in questo riutilizzeremo la plastica delle buste biodegradabili al …