Passa ai contenuti principali

La Lampara – imbarcazione da pesca d’altri tempi by Antonio Russo



Spesso ci siamo incontrati su temi modellistici, sia aerei che navali ed altro.

Ora, tratteremo di un modello navale particolare : La lampara.

Questa bella e romantica imbarcazione di medio/ piccole dimensioni, occupata da due o al massimo tre pescatori, che ci riporta a tempi, non tanto lontani, quando nelle notti d’estate senza luna, si scorgevano dai lungomari queste luci bianche muoversi lentamente e, al mattino, trovare sui banchi delle pescherie, tante acciughe ed altri pesci per una bella manciata. 

Oggi quelle barche sono considerate obsolete e poco produttive. La pesca intensiva e  l’arrivo da altri mari di pescato diverso, ha reso non competitiva questa forma, semplice ed onesta, di lavoro sul mare! Le imbarcazioni impiegate erano di massima gozzi e lance in legno, dai 5 ai 6m di lunghezza, attrezzate di grosse lampade, inizialmente a carburo di calcio e successivamente elettriche; piantate a prua o a poppa dell’imbarcazione a circa un metro dalla linea di galleggiamento che, permettevano al pescatore passare la rete o il retino a canestro, per raccogliere il pesce che, incuriosito dalla luce fortissima, emergeva.   

Il modello riprende di massima l’imbarcazione a lancia, della lunghezza di 450 mm circa. Il disegno, tratto da varie immagini anche da internet, é realizzato come l’originale, ad asse chiglia ed ordinate, sulle quali sono state incollate, ad umido,  i listelli di legno di pero (legno leggero e lavorabile) delle dimensioni di  2 x 10 x 500 mm.  Ogni lista è stata piegata e guidata dopo averla immersa in acqua e naturalmente seguendo il metodo una a destra ed  una a sinistra, per curare l’allineamento, un metodo classico ma anche il più antico del mondo.

Trattandosi di un modello  comunque navigante, come  da tradizione, è stato “calatafato”, ovvero reso impermeabile e provato in acqua, e dotato di motore (elettrico per comodità) e di tutte quelle attrezzature che si vedono nelle foto od ai moli e cioè: remi, verricello, salpareti, mezzomarinaio,  retino canestro, secchio e cordami per  l’ormeggio.

La tuga motore contiene i pulsanti per l’accensione del motore e della stessa lampara, quest’ultima realizzata in metallo e plastica, riproducendo nel rispetto della fedeltà l ‘originale. Anche l’elica, dopo averla disegnata, e’ stata ritagliata da lamiera d’alluminio ed opportunamente calettata secondo gli angoli ed i passi d’avanzamento.  Non riporto il totale del  costo materiali, essendo un modellista incallito, abituato al riciclo d’ogni che, prima di aprire il cassonetto dei rifiuti …


Arrivederci al nostro prossimo incontro.

                                                                                           Antonio  Russo 

                                                                                                               

  

Commenti

Post popolari in questo blog

Come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C

Guida su come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C eliminando completamente il modulo FM


ATTENZIONE! L’autore dell’articolo (e lo staff di Modellismo.me)  non si assume nessuna responsabilità in caso di danni alle vostre trasmittenti!
NB: Questa procedura è per chi non ha bisogno del collegamento Allievo/Maestro o per un eventuale collegamento al PC in quanto il modulo FM, che verrà completamente eliminato, ha al suo interno anche l’attacco per il collegamento esterno!
Iniziamo! Innanzitutto mi sembra evidente che per prima cosa sia necessario togliere la plastica posteriore della nostra 7C tramite le 4 viti apposite posizionate quasi ai bordi della stessa. Una volta tolto avremo d’avanti:
A questo punto tagliare tutti i cavi collegati al modulo FM mentre per l’antenna svitare le viti ai capi dei fili.

Dopo aver tolto il modulo FM e la relativa antenna sfilandola dall’alto siamo pronti per inserire lo switch a corredo con il modulo DHT. Noi possessori della 7C siamo fort…

MB-339 di Martinucci...come realizzarlo in Depron

Cari amici, oggi vi mostro, tramite delle semplici foto, com'è possibile realizzare un MB339 dai piani di Maurizio Martinucci, usando totalmente del Depron anzichè in Polistirene:
Come potete notare dalle foto, sicuramente più esaustive, nelle zone in cui bisognerà arrotondare la fusoliera...e di conseguenza..togliere più materiale, dovrete raddoppiare i bordi in Depron.
Per riferimento, usate le 3 ordinate che si vedono nel disegno..ma che nella versione originale in polistirene hanno solo scopo indicativo.
Anche i serbatoi alari sono in Depron, mentre gli alettoni e il profondità è in Balsa come per la versione originale.
Il progetto lo trovate quì:  http://www.mauriziomartinucci.com/mb339.php










Se poi invece volete realizzarlo in polistirene, come del resto nasce in origine, eccovi qualche immagine di modelli finiti:


quì invece vediamo l'esemplare personale del progettista Maurizio Martinucci

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo Testo e Foto di Giuseppe Cirillo 

Benvenuti in questa utile e semplice guida che vi spiegherà come progettare e costruire il vostro paracadute. Che voi vogliate costruire un paracadute da lancio oppure un paracadute balistico per interi aeromodelli poco importa, bisogna solo modificare alcuni aspetti di progetto che elencherò in seguito è il gioco è fatto,prima di passare alla progettazione vi augurobuon lavoro e felici atterraggi! 1° fase scelta della velatura e della sua grammatura. Di solito nel 90% dei casi la velatura e composta da materiale plastico,useremo proprio quest’ultimo per realizzare il nostro paracadute(il materiale lo recuperiamo dalle semplici buste per la spesa) la grammatura(densità della busta da spesa) da scegliere dipenderà dal carico che dovrà sopportare la vela quindi, paracadute piccolo(diametro <45 cm)-carico leggero-densità della busta leggera (in questo riutilizzeremo la plastica delle buste biodegradabili al …