Passa ai contenuti principali

ULM Barouder RC "Micro", By Antonio Russo

in ricordo di  Paolo Tafuri


Il prossimo 27 luglio ricorre una data infausta . Saranno trascorsi tredici anni da quando in un banale incidente aereo sui monti della Sila, periva, unitamente al passeggero, un bravo pilota, un esperto istruttore ed un Grande amico! Paolo Marco Tafuri.
Spero non tanti si siano dimenticati di lui. Di quanto ha fatto, di quanto ha dato affinché Castrovillari e con essa tanta parte della Calabria e non solo, conoscesse e vivesse la passione del volo sportivo da diporto.
 Creò la prima “scuola di pilotaggio”, il primo club di volo,  gettando così le basi per quella che nel tempo sarebbe diventata un’attività aeronautica di tutto rispetto in una terra dove ogni iniziativa, lodevole, ammirata e sostenuta in ogni altra parte del mondo … finisce per essere derisa, svuotata o distrutta !
Ho voluto ricordarlo, come  amico, come  istruttore ed anche “ allievo” aeromodellista d’altri tempi, realizzando il modello (piccolo nelle dimensioni, ma grande nello spirito) del suo ULM Barouder, in auge negli scorsi anni ottanta. 
Più che un  apparecchio, un rudimentale attrezzo volante fatto di tubi d’alluminio e tela che, con la sua onesta velocità di poco più di 100 km/h, a tanti, me compreso e con orgoglio, ha permesso d’apprendere i primi rudimenti del pilotaggio in abitacolo molto “ ventilato”, volando alle pendici del massiccio del Pollino.   
Un velivolo molto comprensivo che perdonava i non pochi errori del principiante ma che avvicinava tanti a vivere con semplicità la passione per il volo.
Il modello,  che vuol essere un modesto ma sentito omaggio al caro Paolo, di sicuro, nel suo piccolo, tornerà a volare in quegli stessi spazi che un tempo furono grandi per il suo “fratello maggiore”, affinché il tempo non cancelli dalla memoria ciò che alla memoria deve appartenere a
quanti lo hanno conosciuto  e rispettato!

Ed infine non può mancare il mio   ricordo a coloro che,   in quella nostra comunità aviatoria, sono periti per l’amore e la passione del volo : Franco Piacentini, Antonio Giordano, Egidio Ritacca, Claudio Rende  e Maurizio Primavera! Possano continuare a volare negli spazi più alti. Sono contento di averli conosciuti!      

 Il modello :
Apertura alare 820cm, peso in odv 400g e motore Cox anni '70.
La costruzione è in balsa da 2mm per le centine e listelli di obeche per la montanteria. Il longherone  alare è in obeche e la trave di coda in pero  molto leggero. Il rivestimento è in tessuto tesato e verniciato. 
Tre i microservi per i comandi coda e alettoni. 
Ho preferito un Cox 0,49 proprio per la facilità di avviamento e col cilindretto all'insù, ricorda il motore del Barouder originale, un Simonini da 90 cv 2T - 2 cil. 

                                  Antonio Russo










Commenti

Post popolari in questo blog

Come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C

Guida su come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C eliminando completamente il modulo FM


ATTENZIONE! L’autore dell’articolo (e lo staff di Modellismo.me)  non si assume nessuna responsabilità in caso di danni alle vostre trasmittenti!
NB: Questa procedura è per chi non ha bisogno del collegamento Allievo/Maestro o per un eventuale collegamento al PC in quanto il modulo FM, che verrà completamente eliminato, ha al suo interno anche l’attacco per il collegamento esterno!
Iniziamo! Innanzitutto mi sembra evidente che per prima cosa sia necessario togliere la plastica posteriore della nostra 7C tramite le 4 viti apposite posizionate quasi ai bordi della stessa. Una volta tolto avremo d’avanti:
A questo punto tagliare tutti i cavi collegati al modulo FM mentre per l’antenna svitare le viti ai capi dei fili.

Dopo aver tolto il modulo FM e la relativa antenna sfilandola dall’alto siamo pronti per inserire lo switch a corredo con il modulo DHT. Noi possessori della 7C siamo fort…

MB-339 di Martinucci...come realizzarlo in Depron

Cari amici, oggi vi mostro, tramite delle semplici foto, com'è possibile realizzare un MB339 dai piani di Maurizio Martinucci, usando totalmente del Depron anzichè in Polistirene:
Come potete notare dalle foto, sicuramente più esaustive, nelle zone in cui bisognerà arrotondare la fusoliera...e di conseguenza..togliere più materiale, dovrete raddoppiare i bordi in Depron.
Per riferimento, usate le 3 ordinate che si vedono nel disegno..ma che nella versione originale in polistirene hanno solo scopo indicativo.
Anche i serbatoi alari sono in Depron, mentre gli alettoni e il profondità è in Balsa come per la versione originale.
Il progetto lo trovate quì:  http://www.mauriziomartinucci.com/mb339.php










Se poi invece volete realizzarlo in polistirene, come del resto nasce in origine, eccovi qualche immagine di modelli finiti:


quì invece vediamo l'esemplare personale del progettista Maurizio Martinucci

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo Testo e Foto di Giuseppe Cirillo 

Benvenuti in questa utile e semplice guida che vi spiegherà come progettare e costruire il vostro paracadute. Che voi vogliate costruire un paracadute da lancio oppure un paracadute balistico per interi aeromodelli poco importa, bisogna solo modificare alcuni aspetti di progetto che elencherò in seguito è il gioco è fatto,prima di passare alla progettazione vi augurobuon lavoro e felici atterraggi! 1° fase scelta della velatura e della sua grammatura. Di solito nel 90% dei casi la velatura e composta da materiale plastico,useremo proprio quest’ultimo per realizzare il nostro paracadute(il materiale lo recuperiamo dalle semplici buste per la spesa) la grammatura(densità della busta da spesa) da scegliere dipenderà dal carico che dovrà sopportare la vela quindi, paracadute piccolo(diametro <45 cm)-carico leggero-densità della busta leggera (in questo riutilizzeremo la plastica delle buste biodegradabili al …