Passa ai contenuti principali

25° Anniversario Fly Club Matteo Cristalli , San Severo (FG)

25° Anniversario Fly Club Matteo Cristalli , San Severo (FG)
testo Antonio Russo - foto Antonio Di Giacomo

26  e 27 settembre 2015, due  giorni comuni per tanti,  memorabili per alcuni e che non erano pochi.
 In quel fine settimana, in agro di San Severo (FG), l’arcinoto gruppo aeromodellistico Fly Club Matteo Cristalli, ha festeggiato, con successo pieno, il suo venticinquesimo compleanno. Infatti, 25 anni fa l’indimenticato ed indimenticabile Matteo Cristalli, con l’impegno e la dedizione del convinto aeromodellista e con i mezzi di allora(!) forgiava quelli che oggi sono le colonne portanti che, ora come allora, continuano a poggiarsi sul solido terreno della passione per questa disciplina, continuandola nel tempo.
Il presidente Arturo Di Benedetto ed il sempre onniattivo Gigi Iadevaio, le vere locomotive dell’organizzazione, con il solido apporto operativo ed organizzativo della FANI – Associazione Aeromodellistica Nazionale Italiana – sorta nel 2008, nelle figure del presidente Remo D’Andrea e vice presidente Francesco Cappabianca, hanno fatto sì che il raduno FANI del sud Italia ottenesse il successo sperato e così è stato.
 I numeri in questa direzione parlano da soli e proprio su questi non mi soffermerò, atteso che altri lo hanno fatto e lo faranno, ma voglio soffermarmi sull’entusiasmo che si leggeva su quei volti! Oltre la Puglia, che già di per se conta il più elevato numero di gruppi e di questi vanta il maggior numero di iscritti, a rendere chiara l’idea dell’evento sono state le presenze dei tanti intervenuti. 
Da nord a sud, passando per il centro Italia sino a Malta, l’aeromodellismo italiano ha risposto alla chiamata del Fly Club Matteo Cristalli con lo stesso spirito e con la stessa voglia di partecipare. Quello spirito che “Sudinvolo” l’organismo di coordinazione che da qualche anno, timidamente organizzato per collegare le attività aeromodellistiche del sud Italia, con velocità quasi supersonica è cresciuto e con successo, oggi coordina i numerosissimi gruppi, calendarizzando gli eventi e coordinandone le attività e le sedi, tanto che è ormai giunto il tempo di presentarsi più come “Italiatuttainvolo”. Ma questo “è” già programma per il futuro…
            Le presenze? Tutte qualificate, dal Veneto alla Sicilia giungendo sino a Malta. Sì proprio la bella Isola dei Cavalieri che con il suo nutrito gruppo, ha dato ancora una volta il tocco dell’internazionalità all’evento. Diverse lingue per parlarne una sola, quella della passione  per l’aeromodellismo che non ha tempo e non ha età!
 Infatti, nella storia, il primo mezzo meccanico a volare con propulsione ad elica è stato un aeromodello. Era il 1871 quando Alphons Penaud fece volare il suo rudimentale aeroplanino ad elastico... 32 anni prima dei Wright !
           I modelli? Dallo F 104 Starfighter da oltre 4 mt di lunghezza al minuscolo di circa 20 cm; dal Repubblic- Fairchild  A 10 al piccolo fragile Old Timer con motore Cox di cui le moderne tecnologie elettroniche ne avevano quasi cancellato la memoria! 
Così non è, grazie proprio a quegli aeromodellisti fedeli nei secoli… Non mi dilungo inoltre sui modelli, atteso che già in rete ne spaziano a dismisura, com’anche nella varietà delle esibizioni in volo che, come sempre, inchiodano con naso all’insù i presenti in numero considerevole.
Fatto singolare quest’anno la presenza attiva della rappresentanza militare aeronautica. Dalla vicina base di Amendola, sede del 32° Storno, un gruppo di Ufficiali e sottufficiali dell’arma azzurra, hanno esibito il musetto del vecchio addestratore Fiat G 91 T, l’intero cruscotto strumenti e vari accessori d’emergenza, oltre a gigantografie storiche dello stormo e dell’Aeronautica Militare. Naturalmente prese d’assalto dai presenti per l’occasione fotografica…  
           Ora, mentre si consegnava alla storia dell’aeromodellismo italiano questa ennesima bella pagina, con il brindisi di rito intorno alla mega torta, firmata Sig.ra Montanaro, di buon compleanno per questo primo quarto di secolo, targato Fly Club Matteo Cristalli di San severo, ci si attrezza per i prossimi eventi ancora in calendario, basta solo dare uno sguardo agli “eventi” Sudinvolo…
              Arrivederci dunque alla prossima edizione 2016. 
              Grazie FANI, grazie Sundinvolo, grazie Autorità Militari e Civili, grazie amici aeromodellisti intervenuti ma soprattutto grazie Fly Club intero.




                                                                                                            Antonio Russo













































Commenti

Post popolari in questo blog

Come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C

Guida su come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C eliminando completamente il modulo FM


ATTENZIONE! L’autore dell’articolo (e lo staff di Modellismo.me)  non si assume nessuna responsabilità in caso di danni alle vostre trasmittenti!
NB: Questa procedura è per chi non ha bisogno del collegamento Allievo/Maestro o per un eventuale collegamento al PC in quanto il modulo FM, che verrà completamente eliminato, ha al suo interno anche l’attacco per il collegamento esterno!
Iniziamo! Innanzitutto mi sembra evidente che per prima cosa sia necessario togliere la plastica posteriore della nostra 7C tramite le 4 viti apposite posizionate quasi ai bordi della stessa. Una volta tolto avremo d’avanti:
A questo punto tagliare tutti i cavi collegati al modulo FM mentre per l’antenna svitare le viti ai capi dei fili.

Dopo aver tolto il modulo FM e la relativa antenna sfilandola dall’alto siamo pronti per inserire lo switch a corredo con il modulo DHT. Noi possessori della 7C siamo fort…

MB-339 di Martinucci...come realizzarlo in Depron

Cari amici, oggi vi mostro, tramite delle semplici foto, com'è possibile realizzare un MB339 dai piani di Maurizio Martinucci, usando totalmente del Depron anzichè in Polistirene:
Come potete notare dalle foto, sicuramente più esaustive, nelle zone in cui bisognerà arrotondare la fusoliera...e di conseguenza..togliere più materiale, dovrete raddoppiare i bordi in Depron.
Per riferimento, usate le 3 ordinate che si vedono nel disegno..ma che nella versione originale in polistirene hanno solo scopo indicativo.
Anche i serbatoi alari sono in Depron, mentre gli alettoni e il profondità è in Balsa come per la versione originale.
Il progetto lo trovate quì:  http://www.mauriziomartinucci.com/mb339.php










Se poi invece volete realizzarlo in polistirene, come del resto nasce in origine, eccovi qualche immagine di modelli finiti:


quì invece vediamo l'esemplare personale del progettista Maurizio Martinucci

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo Testo e Foto di Giuseppe Cirillo 

Benvenuti in questa utile e semplice guida che vi spiegherà come progettare e costruire il vostro paracadute. Che voi vogliate costruire un paracadute da lancio oppure un paracadute balistico per interi aeromodelli poco importa, bisogna solo modificare alcuni aspetti di progetto che elencherò in seguito è il gioco è fatto,prima di passare alla progettazione vi augurobuon lavoro e felici atterraggi! 1° fase scelta della velatura e della sua grammatura. Di solito nel 90% dei casi la velatura e composta da materiale plastico,useremo proprio quest’ultimo per realizzare il nostro paracadute(il materiale lo recuperiamo dalle semplici buste per la spesa) la grammatura(densità della busta da spesa) da scegliere dipenderà dal carico che dovrà sopportare la vela quindi, paracadute piccolo(diametro <45 cm)-carico leggero-densità della busta leggera (in questo riutilizzeremo la plastica delle buste biodegradabili al …