Passa ai contenuti principali

Il cannone Dahlgren autocostruito, by Antonio Russo



La storia

Il cannone Dahlgren era un pezzo di artiglieria di grosso calibro, ad avancarica e ad anima liscia, progettato dal contrammiraglio americano John A. Dahlgren della marina dell’unione, nel 1849. 
L’intento del progettista era quello di creare un arma efficace ed efficiente per navi dell’epoca, le quali erano ancora impostate con armamenti di tipo fisso a postazioni sui ponti e sottoponti di bordo. 
Dahlgren pensò di dotare la nuova arma, fra l’altro a basso costo di produzione, non dovendo più realizzare sulle canne rilievi artistici del tutto inutili e costosi – di carrello per la direzione orizzontale (azimutale), onde permettere il puntamento del pezzo in un settore circolare.
L’arma ebbe subito successo non solo come artiglieria navale,ma anche nella guerra di secessione, come pezzo da campagna di facile impiego e di terribile efficacia.

Vennero realizzati vari tipi e versioni, in ordine al calibro al tipo di canna ed alla gittata. 





Quello preso in esame nel modello rientrava nelle caratteristiche che seguono.

Lunghezza max  da 93,72”   a   107,5”  mt     2,34    a   2,68
Peso max            da 3200 lb a    4500    kg     1454,5 a  2045,45
Peso del
Colpo                       32 lb                       kg     14
Proietto                     26,5                       kg     12
Gittata                      1637 yd     1756     mt    1501,83 a 1611. 

Il modello


Il modello riproduce in scala ( 1: 5,8 ), ricavata dalle immagini, litografie ed elementi in rete, l’esemplare da campagna del 1861, con canna in bronzo ed affusto trainato. 
Ho preferito questo, così realizzare la canna in ottone e non in acciaio solo per ragioni di vivacità  estetica dei dettagli.              

Antonio Russo                         










   

Commenti

Post popolari in questo blog

Come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C

Guida su come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C eliminando completamente il modulo FM ATTENZIONE! L’autore dell’articolo (e lo staff di Modellismo.me)  non si assume nessuna responsabilità in caso di danni alle vostre trasmittenti! NB: Questa procedura è per chi non ha bisogno del collegamento Allievo/Maestro o per un eventuale collegamento al PC in quanto il modulo FM, che verrà completamente eliminato, ha al suo interno anche l’attacco per il collegamento esterno! Iniziamo! Innanzitutto mi sembra evidente che per prima cosa sia necessario togliere la plastica posteriore della nostra 7C tramite le 4 viti apposite posizionate quasi ai bordi della stessa. Una volta tolto avremo d’avanti: A questo punto tagliare tutti i cavi collegati al modulo FM mentre per l’antenna svitare le viti ai capi dei fili. Dopo aver tolto il modulo FM e la relativa antenna sfilandola dall’alto siamo pronti per inserire lo switch a corredo

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo Testo e Foto di Giuseppe Cirillo  Benvenuti in questa utile e semplice guida che vi spiegherà come progettare e costruire il vostro paracadute. Che voi vogliate costruire un paracadute da lancio oppure un paracadute balistico per interi aeromodelli poco importa, bisogna solo modificare alcuni aspetti di progetto che elencherò in seguito è il gioco è fatto,prima di passare alla progettazione vi auguro   buon lavoro e felici atterraggi! 1° fase scelta della velatura e della sua grammatura. Di solito nel 90% dei casi la velatura e composta da materiale plastico,useremo proprio quest’ultimo per realizzare il nostro paracadute(il materiale lo recuperiamo dalle semplici buste per la spesa) la grammatura(densità della busta da spesa) da scegliere dipenderà dal carico che dovrà sopportare la vela quindi,                                                                                                                         

F3A VINTAGE

Il Galaxy Vintage...ovvero gli aeromodelli degli anni 60/70/80 e primi anni del 90 che, grazie alla disponibilità dei famosi progettisti e piloti dell'epoca e non, ma soprattuto grazie alla voglia di aggregare tutti gli appassionati del modellismo d’epoca a cura del promotore di categoria Cristiano Giustozzi, stanno rivivendo oggi sui campi di volo, una nuova giovinezza. Il Kosmo Un modo per ricordare queste vecchie glorie e anche per far conoscere, ai giovani modellisti di oggi, degli aeromodelli e una disciplina notevole, di quando si faceva acrobazia "balistica" con aeromodelli spinti da motori 2 tempi 10cc con scarichi accordati e non. I modellisti italiani sono stati tra i più famosi in questa categoria, e sfornarono modelli bellissimi e vincenti. Basta ricordare il Kosmo ed il Komet con cui volavano Benito Bertolani e Beppino Bertolozzi, pluricampioni di categoria, il Galaxy che sotto gli abili pollici di Ruggero Pasqualini fu protagonista di lanci m