Passa ai contenuti principali

Raduno Aeromodellistico "Memorial Maurizio Primavera" Sibari-Cassano Ionio (CS)






Informazioni utili per raggiungere il campo.

L’aviosuperfice Sibari Fly, è una moderna struttura per lo svolgimento di tutte le attività aviatorie, ultraleggere e turistiche.
E’ corredata di servizi ed hangar, dispone di ampia pista per le manovre aeree della lunghezza di circa 900m, con orientamento 12 - 30; ampia zona parcheggi aeromobili ed autovetture.
E’ ubicata nel cuore della piana di Sibari, in particolare lungo la statale che collega la stazione ferroviaria omonima con la città di Cassano allo Ionio, in contrada Pantano Rotondo (CS).

Per raggiungere il campo

 Per chi giunge dalla SS 106 ( E90)  direz.  Taranto, uscire a Sibari (dopo aver superato la stazione Esso, sulla 106)in direzione dello scalo ferroviario. Al quadrivio (rotonda stazione ferroviaria) imboccare a dx per la direzione Cassano Ionio, percorrere 2 km e sulla dx si troverà il cancello d’ingresso del campo. La struttura è ampiamente visibile.

Per chi giunge dalla 106 direzi. Reggio C, superata l’uscita Marina di Sibari , imboccare (subito dopo la stazione di rifornimento Q8 – Martucci)
a sx per l’abitato della frazione Sibari, direzione stazione ferroviaria e seguire le indicazioni come sopra.

Per chi arriva dall’autostrada nord/sud, uscire a Sibari, imboccare la SP 534 direz. Sibari, uscire a Corigliano Calabro ed imboccare la direttiva per Sibari (Sx della rotatoria) in direzione della stazione ferroviaria e seguire le indicazioni come sopra.

Per chi arriva con mezzo aereo, seguire le coordinate GPS: 39° 45’ 25 “ Nord -  16° 26 ‘ 17 “ E. Frequenza radio del campo mhz  130,00 ;orientamento pista principale 12 – 30. Ampiamente visibile data la vastità della piana. In ogni caso seguendo la linea ferroviaria ci si orienta con facilità.

Per altre informazioni consultare:   www.sibarifly.it     info@sibarifly.com


Commenti

Post popolari in questo blog

Come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C

Guida su come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C eliminando completamente il modulo FM ATTENZIONE! L’autore dell’articolo (e lo staff di Modellismo.me)  non si assume nessuna responsabilità in caso di danni alle vostre trasmittenti! NB: Questa procedura è per chi non ha bisogno del collegamento Allievo/Maestro o per un eventuale collegamento al PC in quanto il modulo FM, che verrà completamente eliminato, ha al suo interno anche l’attacco per il collegamento esterno! Iniziamo! Innanzitutto mi sembra evidente che per prima cosa sia necessario togliere la plastica posteriore della nostra 7C tramite le 4 viti apposite posizionate quasi ai bordi della stessa. Una volta tolto avremo d’avanti: A questo punto tagliare tutti i cavi collegati al modulo FM mentre per l’antenna svitare le viti ai capi dei fili. Dopo aver tolto il modulo FM e la relativa antenna sfilandola dall’alto siamo pronti per inserire lo switch a corredo

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo Testo e Foto di Giuseppe Cirillo  Benvenuti in questa utile e semplice guida che vi spiegherà come progettare e costruire il vostro paracadute. Che voi vogliate costruire un paracadute da lancio oppure un paracadute balistico per interi aeromodelli poco importa, bisogna solo modificare alcuni aspetti di progetto che elencherò in seguito è il gioco è fatto,prima di passare alla progettazione vi auguro   buon lavoro e felici atterraggi! 1° fase scelta della velatura e della sua grammatura. Di solito nel 90% dei casi la velatura e composta da materiale plastico,useremo proprio quest’ultimo per realizzare il nostro paracadute(il materiale lo recuperiamo dalle semplici buste per la spesa) la grammatura(densità della busta da spesa) da scegliere dipenderà dal carico che dovrà sopportare la vela quindi,                                                                                                                         

F3A VINTAGE

Il Galaxy Vintage...ovvero gli aeromodelli degli anni 60/70/80 e primi anni del 90 che, grazie alla disponibilità dei famosi progettisti e piloti dell'epoca e non, ma soprattuto grazie alla voglia di aggregare tutti gli appassionati del modellismo d’epoca a cura del promotore di categoria Cristiano Giustozzi, stanno rivivendo oggi sui campi di volo, una nuova giovinezza. Il Kosmo Un modo per ricordare queste vecchie glorie e anche per far conoscere, ai giovani modellisti di oggi, degli aeromodelli e una disciplina notevole, di quando si faceva acrobazia "balistica" con aeromodelli spinti da motori 2 tempi 10cc con scarichi accordati e non. I modellisti italiani sono stati tra i più famosi in questa categoria, e sfornarono modelli bellissimi e vincenti. Basta ricordare il Kosmo ed il Komet con cui volavano Benito Bertolani e Beppino Bertolozzi, pluricampioni di categoria, il Galaxy che sotto gli abili pollici di Ruggero Pasqualini fu protagonista di lanci m