Passa ai contenuti principali

Adler von Lübeck – l’aquila di Lubecca by Antonio Russo





      

   Qualche cenno storico su questo possente sovrano del mare.
      
  La Adler von Lübeck, nota anche come Der Große Adler, ovvero l’ aquila di Lubecca" o "la grande aquila",  era una nave da guerra del XVI secolo della città anseatica di Lubecca, in Germania. 
        L'Adler era a quel tempo la nave più grande del mondo, misurando 78,30 di lunghezza m e di 2-3000 tonnellate di stazza. Un galeone, quadri albero, attrezzato a vele latine e quadre.
       Questa nave da guerra fu costruita a Lubecca durante la Guerra nordica dei sette anni, al fine di scortare i convogli di navi mercantili nel Mar Baltico e nel Mare del Nord e venne armata con bel 84 bocche da fuoco di vario calibro, disposti su tre ponti di batteria, nonché  su cassero, castello e copertura sia a poppa che a prora, costituendo così un’autentica fortezza galleggiante.
Tuttavia, l'Adler non entrò mai in azione bellica, dal momento che Lubecca aveva già iniziato negoziati di pace con la Svezia, al momento del completamento della nave. Dopo il Trattato di Stettino del 1570, la nave venne trasformata in  bastimento da carico per il commercio con la penisola iberica e venne  radiata nel 1588 dopo venti anni di servizio.
       Il modello
Lo costruii nel 1994 ( in ordine temporale doveva essere il mio quinto modello se ben ricordo), da scatola di montaggio, non ricordo chi la producesse, ed a seguito di un gradito omaggio, da parte di un grande “maestro” del modellismo calabrese: Mimmo Candido da Caulonia.
Custodito in un  teca di legno e vetro delle dimensioni di cm 104 x 90 x 54, da me appositamente costruita,  ha visto oggi qualche ritocco di facciata per tornare a risplendere della sua originaria luce e, certo di avergli reso il giusto omaggio, la presento nella sua veste attuale.   

Antonio Russo

Commenti

Post popolari in questo blog

Come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C

Guida su come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C eliminando completamente il modulo FM ATTENZIONE! L’autore dell’articolo (e lo staff di Modellismo.me)  non si assume nessuna responsabilità in caso di danni alle vostre trasmittenti! NB: Questa procedura è per chi non ha bisogno del collegamento Allievo/Maestro o per un eventuale collegamento al PC in quanto il modulo FM, che verrà completamente eliminato, ha al suo interno anche l’attacco per il collegamento esterno! Iniziamo! Innanzitutto mi sembra evidente che per prima cosa sia necessario togliere la plastica posteriore della nostra 7C tramite le 4 viti apposite posizionate quasi ai bordi della stessa. Una volta tolto avremo d’avanti: A questo punto tagliare tutti i cavi collegati al modulo FM mentre per l’antenna svitare le viti ai capi dei fili. Dopo aver tolto il modulo FM e la relativa antenna sfilandola dall’alto siamo pronti per inserire lo switch a corredo

Benito Bertolani su Modellismo che Passione!

Cari amici di Modellismo che Passione, oggi abbiamo l'onore di raccontarvi il curriculum/palmares di uno dei più famosi modellisti italiani nel mondo, Pluricampione in diverse categorie e produttore di famosi aeromodelli...il Grande Benito Bertolani. Benito scopre l'aeromodellismo all'età di nove/dieci anni, iniziando con il volo libero nella categoria veleggiatori. A 25 anni si sposa con Mariella e riprende l'attività modellistica, alternando al volo libero, quello radiocomandato, ottenendo in entrambe categorie, pur notevolmente diverse tra loro, importanti risultati. Nel Settembre del 1970 a Bologna, in due giornate, vince tutte le selezioni per l'ammissione al Campionato Italiano Categoria Radiocomandata (F3A) ed il secondo giorno vince con ampio punteggio il Primo Campionato Italiano, entrando così di diritto nella "Nazionale Italiana", per partecipare ai Campionati del Mondo in Programma negli USA in Pensilvania nel 1971 Da quel gi

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo Testo e Foto di Giuseppe Cirillo  Benvenuti in questa utile e semplice guida che vi spiegherà come progettare e costruire il vostro paracadute. Che voi vogliate costruire un paracadute da lancio oppure un paracadute balistico per interi aeromodelli poco importa, bisogna solo modificare alcuni aspetti di progetto che elencherò in seguito è il gioco è fatto,prima di passare alla progettazione vi auguro   buon lavoro e felici atterraggi! 1° fase scelta della velatura e della sua grammatura. Di solito nel 90% dei casi la velatura e composta da materiale plastico,useremo proprio quest’ultimo per realizzare il nostro paracadute(il materiale lo recuperiamo dalle semplici buste per la spesa) la grammatura(densità della busta da spesa) da scegliere dipenderà dal carico che dovrà sopportare la vela quindi,