Passa ai contenuti principali

F5E Tiger II “Aggressor” by Maurizio Ugo



Ecco l’ultimo dei modelli che ho costruito nell’anno corrente 2012, potrebbe essere anche essere l’ultimo per un po’ di mesi, in quanto per la ristrutturazione del tetto, dove “modello”, sarò costretto sospendere i lavori per 5/8 mesi… quindi bando alle chiacchiere, passo a raccontare  la costruzione.
Il modello è un Hobby Boss, pensavo che si trattasse di un modello “easy”, tipico di una serie dell’Hobby Boss, ma anche se il prezzo era di quella serie, si presentava come un modello tradizionale, con pregi e difetti….
Abbiamo quattro versioni, due americane, dei marines e della marina, entrambe di squadroni “aggressor”,una brasiliana e una svizzera, ho scelto quella della marina per i colori che mi ispiravano di più.
L’abitacolo, è sufficientemente dettagliato , che ho lasciato cosi come era, se non per l’aggiunta delle decal riguardanti le cinture. Ha la possibilità di essere rappresentato aperto.
Le fusoliere, si allineano abbastanza bene, ma con il montaggio delle semiali, la forma particolare della fusoliera in prossimità dell’attaccatura delle ali, lascia alcune fessure poco carine, che ho eliminato sia con un leggero passaggio di cutter nei punti critici, che una bella passata di riempitivo, in questo caso uno stucco ad acqua, che è stato lisciato subito per evitare di rovinare con la carteggiatura le linee in negativo delle superfici, questo risultato si può  ottenere anche con il “Cristal Clear”, che fa da riempitivo non corrode la plastica non si stucca e si stende dentro le fessura con dita, pennelli, cotton fioc, e con tutto quello che la nostra fantasia mette in campo.
Questo è stato il punto più critico, per il resto non vi sono stati altri problemi e il montaggio è andato avanti in maniera spedita, l’uso dei carichi, peraltro tutto sommato validi, si è limitato al serbatoio supplementare ventrale, in quanto nella versione Aggressor, l’uso di altri carichi alari non necessitava, presenti comunque, altri due serbatoi, due bombe, e due Sidewinter, abbondantemente scomposti questi ultimi.
La colorazione, ha dato problemi, in quanto avevo solo il colore  più chiaro della Tamiya a disposizione, come dicevano le istruzioni  e perciò gli altri dovevano essere più scuri per forza, ma vedendo la maggior parte delle foto dell’aereo vero, o di quello di altri con stessa mimetica, la cosa non mi soddisfaceva molto, ma alla fine ho trovato una foto in rete assomigliava parecchi o a quella da me eseguita…..
Le decal, si sono comportate bene anche senza  l’uso di liquidi vari, sottili, poco bordo, centrate bene, insomma alla fine si ha un modello relativamente semplice, con una vasta scelta di versioni ,con anche alcuni optional, di cui al momento del montaggio non ho ritenuto montare in quanto non avevo sottomano documentazione
Comunque un buon modello, con un buon rapporto qualità prezzo, sicuramente una buona base se uno vuole dettagliare ancora il modello.

 Buon modellismo a tutti!!                                                                                                            
Testo e foto di Maurizio Ugo

Commenti

Post popolari in questo blog

Come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C

Guida su come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C eliminando completamente il modulo FM ATTENZIONE! L’autore dell’articolo (e lo staff di Modellismo.me)  non si assume nessuna responsabilità in caso di danni alle vostre trasmittenti! NB: Questa procedura è per chi non ha bisogno del collegamento Allievo/Maestro o per un eventuale collegamento al PC in quanto il modulo FM, che verrà completamente eliminato, ha al suo interno anche l’attacco per il collegamento esterno! Iniziamo! Innanzitutto mi sembra evidente che per prima cosa sia necessario togliere la plastica posteriore della nostra 7C tramite le 4 viti apposite posizionate quasi ai bordi della stessa. Una volta tolto avremo d’avanti: A questo punto tagliare tutti i cavi collegati al modulo FM mentre per l’antenna svitare le viti ai capi dei fili. Dopo aver tolto il modulo FM e la relativa antenna sfilandola dall’alto siamo pronti per inserire lo switch a corredo

Benito Bertolani su Modellismo che Passione!

Cari amici di Modellismo che Passione, oggi abbiamo l'onore di raccontarvi il curriculum/palmares di uno dei più famosi modellisti italiani nel mondo, Pluricampione in diverse categorie e produttore di famosi aeromodelli...il Grande Benito Bertolani. Benito scopre l'aeromodellismo all'età di nove/dieci anni, iniziando con il volo libero nella categoria veleggiatori. A 25 anni si sposa con Mariella e riprende l'attività modellistica, alternando al volo libero, quello radiocomandato, ottenendo in entrambe categorie, pur notevolmente diverse tra loro, importanti risultati. Nel Settembre del 1970 a Bologna, in due giornate, vince tutte le selezioni per l'ammissione al Campionato Italiano Categoria Radiocomandata (F3A) ed il secondo giorno vince con ampio punteggio il Primo Campionato Italiano, entrando così di diritto nella "Nazionale Italiana", per partecipare ai Campionati del Mondo in Programma negli USA in Pensilvania nel 1971 Da quel gi

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo Testo e Foto di Giuseppe Cirillo  Benvenuti in questa utile e semplice guida che vi spiegherà come progettare e costruire il vostro paracadute. Che voi vogliate costruire un paracadute da lancio oppure un paracadute balistico per interi aeromodelli poco importa, bisogna solo modificare alcuni aspetti di progetto che elencherò in seguito è il gioco è fatto,prima di passare alla progettazione vi auguro   buon lavoro e felici atterraggi! 1° fase scelta della velatura e della sua grammatura. Di solito nel 90% dei casi la velatura e composta da materiale plastico,useremo proprio quest’ultimo per realizzare il nostro paracadute(il materiale lo recuperiamo dalle semplici buste per la spesa) la grammatura(densità della busta da spesa) da scegliere dipenderà dal carico che dovrà sopportare la vela quindi,