Passa ai contenuti principali

Cernierine fai da te

Oggi trattiamo l'argomento "cerniere per piccoli modelli elettrici".

Uno dei metodi classici più utilizzati è l'utilizzo del nastro adesivo. Un buon prodotto , che non perde adesività e non si rovina nel tempo è il "Magic Tape della 3M".
Si procede in questo modo:

- FOTO 1 - si carteggia il bordo anteriore della parte mobile per permettere il movimento verso il basso e , tenendo appunto la parte piegata con i bordi che combaciano, si incolla il nastro nela parte superiore.

- FOTO 2 - ora si ribalta la parte mobile (a volte questa operazione risulta impossibile ma non è difficile inserire il nastro per bene nella fessura) e si incolla il nastro nella parte inferiore, magari tagliandolo a pezzi, per facilitare l'operazione.

- FOTO 3 - di raddrizza la parte mobile e si controlla che il tutto sia preciso e il nastro ben attaccato e che non crei pieghe nella giuntura.

- per fissare il tutto io uso il classico ferretto per termoretraibile che non brucia il nastro, ma spesso non è necessario.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Un altro metodo che utilizzo, in caso di parti mobili in balsa, con ali e code in Depron, è quello di realizzare le cernierine semplicemente con dell'acetato, il classico PVC sottile usato per le copertine dei documenti. Economico, facile e anch'esso molto funzionale.

- si prende un foglio A4 e si carteggia con carta abrasiva da 600/800 per far si che la colla attacchi meglio

- successivamente si taglia una striscia di circa 8mm (ma non c'è una misura precisa, intorno al centimetro va bene) e da questa ritaglieremo poi tanti pezzettini lunghi circa 15 mm che saranno le nostre cerniere.

- Incolleremo dapprima alla parte mobile in balsa con comune cianoacrilato (o altro) e successivamente con della colla vinilca incolleremo il tutto al bordo d'uscita in Depron, avendo cura di pulire eventuali sbavature della colla che impedirebbero, una volta asciutta, il libero movimento delle parti in oggetto.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Per finire, un metodo "un pò più laborioso" , ma con il quale si ottengono delle ottime cernierine, me lo suggerì tempo fa l'amico Maurizio Martinucci ( www.mauriziomartinucci.com ) .

- Prendete una bottiglia di alcool quelle classiche in plastica satinata...ovviamente vuota... tagliatene una strisciolina in modo da avere dei rettangoli più o meno di 1cm x0.5cm (o anche più grandi)
A questo punto piegate il rettangolino in due e nel punto in cui si forma la piega, passate di taglio la lama del cutter per due o tre volte. Riaprite il rettangolino e piegatelo al contrario e ripetete l'operazione con il taglierino. Rriaprite ...ed ecco una cernierina perfettamente funzionale e robustissima...potete piegarla quando e come volete..difficilmente riuscirete a romperla, ma attenti per a non insistete eccessivamente con la lama e asportate troppo materiale.
Se si vogliono realizzare più cerniere in serie, si può ritagliare una striscia lunga...eseguire le operazioni con il taglierino come per una normale...e poi tagliare dalla striscia tante piccole cerniere.



www.antoniodigiacomo.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C

Guida su come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C eliminando completamente il modulo FM ATTENZIONE! L’autore dell’articolo (e lo staff di Modellismo.me)  non si assume nessuna responsabilità in caso di danni alle vostre trasmittenti! NB: Questa procedura è per chi non ha bisogno del collegamento Allievo/Maestro o per un eventuale collegamento al PC in quanto il modulo FM, che verrà completamente eliminato, ha al suo interno anche l’attacco per il collegamento esterno! Iniziamo! Innanzitutto mi sembra evidente che per prima cosa sia necessario togliere la plastica posteriore della nostra 7C tramite le 4 viti apposite posizionate quasi ai bordi della stessa. Una volta tolto avremo d’avanti: A questo punto tagliare tutti i cavi collegati al modulo FM mentre per l’antenna svitare le viti ai capi dei fili. Dopo aver tolto il modulo FM e la relativa antenna sfilandola dall’alto siamo pronti per inserire lo switch a corredo

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo Testo e Foto di Giuseppe Cirillo  Benvenuti in questa utile e semplice guida che vi spiegherà come progettare e costruire il vostro paracadute. Che voi vogliate costruire un paracadute da lancio oppure un paracadute balistico per interi aeromodelli poco importa, bisogna solo modificare alcuni aspetti di progetto che elencherò in seguito è il gioco è fatto,prima di passare alla progettazione vi auguro   buon lavoro e felici atterraggi! 1° fase scelta della velatura e della sua grammatura. Di solito nel 90% dei casi la velatura e composta da materiale plastico,useremo proprio quest’ultimo per realizzare il nostro paracadute(il materiale lo recuperiamo dalle semplici buste per la spesa) la grammatura(densità della busta da spesa) da scegliere dipenderà dal carico che dovrà sopportare la vela quindi,                                                                                                                         

F3A VINTAGE

Il Galaxy Vintage...ovvero gli aeromodelli degli anni 60/70/80 e primi anni del 90 che, grazie alla disponibilità dei famosi progettisti e piloti dell'epoca e non, ma soprattuto grazie alla voglia di aggregare tutti gli appassionati del modellismo d’epoca a cura del promotore di categoria Cristiano Giustozzi, stanno rivivendo oggi sui campi di volo, una nuova giovinezza. Il Kosmo Un modo per ricordare queste vecchie glorie e anche per far conoscere, ai giovani modellisti di oggi, degli aeromodelli e una disciplina notevole, di quando si faceva acrobazia "balistica" con aeromodelli spinti da motori 2 tempi 10cc con scarichi accordati e non. I modellisti italiani sono stati tra i più famosi in questa categoria, e sfornarono modelli bellissimi e vincenti. Basta ricordare il Kosmo ed il Komet con cui volavano Benito Bertolani e Beppino Bertolozzi, pluricampioni di categoria, il Galaxy che sotto gli abili pollici di Ruggero Pasqualini fu protagonista di lanci m