Passa ai contenuti principali

lo Xidio

Lo Xidio
L'idea di un aliante da termica ha iniziato a formarsi, nel momento in cui si è delineata la strada che avrei intrapreso nel mondo dell'aeromodellismo. Dopo diverse realizzazioni, di diversi generi, dai jet tipo l'MB339, ai più pacifici 3 assi tipo il citabria, la mia attenzione si è concentrata sugli alianti.
Responsabile di ciò sono state anche alcune riedizioni dei primi numeri di Modellismo, del 1945, in cui il grosso della produzione erano veleggiatori, che subito hanno catturato il mio interesse. Da qui alla realizzazione è passato il numero di Modellismo sulla cui copertina faceva sfoggio (non molto a dire il vero) lo Xidio, di Mauro Capodaglio. I miei tempi costruttivi sono biblici, dopo un paio di mesi passati a rimirare e studiare il progetto e l'articolo in cui Capodaglio esponeva la sua realizzazione, mi sono deciso a compilare una lista dei materiali. Detta lista si è convertita in ordine presso jonathan e modelberg (non sia mai che si possa fare uno stesso ordine con tutto quello che serve) nell'occorrenza del natale 2010. Dopo ulteriori settimane passate a pianificare la costruzione, ho iniziato col taglio delle centine, realizzate col classico metodo del pacchetto. Il resto della costruzione è proceduto con la mia consueta lentezza, anche perchè, ci tengo a precisare, questa è la mia prima costruzione in balsa rivestita con Oracover.






                                                      La costruzione è proseguita in modo abbastanza lineare, senza contrattempi di sorta. Anche la temuta operazione di copertura non ha riservato grandi sorprese, il termoretraibile usato per il rivestimento, l' Oracover, ha fatto il suo dovere è, termorestringendosi, sotto l'azione del ferro caldo, ha cancellato ogni piega o grinza di sorta dalla copertura modello.


Il giorno più temuto per me (come credo per ogni aeromodellista che costruisce i propri modelli) è sempre il giorno del collaudo. Nel mio caso si tratta di una vera e propria agonia, un supplizio. Il tutto si svolge con modalità fantoziane, i sintomi sono sempre gli stessi, si comincia con cali di pressione, colorito cadaverico, tremori alle estremità, incapacità di compiere le azioni più semplici, quali il corretto montaggio del modello (provato a casa decine di volte, per non avere sorprese sul campo!). La fortuna vuole che in queste condizioni, io non debba anche collaudare il modello. In questa fase mi assiste sempre il mio amico Antonio Di Giacomo, il quale ogni volta, si presta, dopo varie insistenze, all'ingrato compito di farsi carico del primo volo. Come, anche per i collaudi degli altri modelli, la mia pignoleria nella messa a punto viene premiata e il volo risulta pulito e senza difetti evidenti.

Luca Rizzuti
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C

Guida su come installare il modulo 2.4 Ghz DHT della FrSky sulla Futaba 7C eliminando completamente il modulo FM


ATTENZIONE! L’autore dell’articolo (e lo staff di Modellismo.me)  non si assume nessuna responsabilità in caso di danni alle vostre trasmittenti!
NB: Questa procedura è per chi non ha bisogno del collegamento Allievo/Maestro o per un eventuale collegamento al PC in quanto il modulo FM, che verrà completamente eliminato, ha al suo interno anche l’attacco per il collegamento esterno!
Iniziamo! Innanzitutto mi sembra evidente che per prima cosa sia necessario togliere la plastica posteriore della nostra 7C tramite le 4 viti apposite posizionate quasi ai bordi della stessa. Una volta tolto avremo d’avanti:
A questo punto tagliare tutti i cavi collegati al modulo FM mentre per l’antenna svitare le viti ai capi dei fili.

Dopo aver tolto il modulo FM e la relativa antenna sfilandola dall’alto siamo pronti per inserire lo switch a corredo con il modulo DHT. Noi possessori della 7C siamo fort…

MB-339 di Martinucci...come realizzarlo in Depron

Cari amici, oggi vi mostro, tramite delle semplici foto, com'è possibile realizzare un MB339 dai piani di Maurizio Martinucci, usando totalmente del Depron anzichè in Polistirene:
Come potete notare dalle foto, sicuramente più esaustive, nelle zone in cui bisognerà arrotondare la fusoliera...e di conseguenza..togliere più materiale, dovrete raddoppiare i bordi in Depron.
Per riferimento, usate le 3 ordinate che si vedono nel disegno..ma che nella versione originale in polistirene hanno solo scopo indicativo.
Anche i serbatoi alari sono in Depron, mentre gli alettoni e il profondità è in Balsa come per la versione originale.
Il progetto lo trovate quì:  http://www.mauriziomartinucci.com/mb339.php










Se poi invece volete realizzarlo in polistirene, come del resto nasce in origine, eccovi qualche immagine di modelli finiti:


quì invece vediamo l'esemplare personale del progettista Maurizio Martinucci

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo

Come realizzare un paracadute per aeromodellismo Testo e Foto di Giuseppe Cirillo 

Benvenuti in questa utile e semplice guida che vi spiegherà come progettare e costruire il vostro paracadute. Che voi vogliate costruire un paracadute da lancio oppure un paracadute balistico per interi aeromodelli poco importa, bisogna solo modificare alcuni aspetti di progetto che elencherò in seguito è il gioco è fatto,prima di passare alla progettazione vi augurobuon lavoro e felici atterraggi! 1° fase scelta della velatura e della sua grammatura. Di solito nel 90% dei casi la velatura e composta da materiale plastico,useremo proprio quest’ultimo per realizzare il nostro paracadute(il materiale lo recuperiamo dalle semplici buste per la spesa) la grammatura(densità della busta da spesa) da scegliere dipenderà dal carico che dovrà sopportare la vela quindi, paracadute piccolo(diametro <45 cm)-carico leggero-densità della busta leggera (in questo riutilizzeremo la plastica delle buste biodegradabili al …