martedì 24 febbraio 2015

Maxi trainer in Depron by Davide Merzi

L'amico Davide Merzi, ci invia le foto del suo bel modellone ad ala alta in Depron, che ha un'apertura alare di 215cm e monta un motore da 850Kv alimentato a 3 celle.
Concepito, come spesso accade direttamente durante la costruzione, Davide ne è molto soddisfatto delle sue doti di galleggione e presto ci invierà le foto di altri suoi simpatici modelli autocostruiti nei suoi primi due anni di attività modellistica.
Da parte mia i complimenti e gli auguri di fare tanti bei modelli.




il giorno del collaudo 


domenica 22 febbraio 2015

F104G 1/18 repainted by Antonio Di Giacomo

E visto che abbiamo parlato del bellisismo F104G "4-5" dell'amico Camillo, ripropongo anche quello ridipinto dal sottoscritto per un amico.
La verniciatura è stata eseguita a pennello con l'uso di colori a smalto Humbrol. Anche in questo caso, i codici sono tagliati a mano , come pure tutti gli stencil e gli stemmi di reparto.

Antonio Di Giacomo




















F104G 1/18 repainted by Camillo Saracinelli

L'amico Camillo ci invia le foto del suo F104G in scala 1/18, ridipinto partendo dal bel modello della Ultimate Soldiers.
L'aereo riproduce l'esemplare 4-5 MM 6505  della 4a Aerobrigata Grosseto nel 1963





mercoledì 11 febbraio 2015

MB 339A ARMADA Italeri scala 1/72 by Maurizio ugo

Il caro Maurizio Ugo ci mostra il suo ultimo modello realizzato, un MB 339A della Marina Argentina (ARMADA), da Kit Italeri in scala 1/72.
Questo velivolo ha partecipato alle operazioni aereonavali nel 1982 nelle Malvinas/Falkland, ma la parola a Maurizio:




Aermacch i MB 339 A Italeri scala 1/72
Il modello in questione è una riedizione del modello Supermodel, abbastanza ben fatto ma purtroppo in positivo, dotato di una discreta gamma di carichi alari, tra cui i pod contenenti i cannoni da 30mm per poter, finalmente, fare la versione usata dalla Marina argentina, ARMADA, durante la guerra delle Malvinas / Falkland.
In questo caso ho inciso i pannelli principali ed eliminato gli altri, decisamente troppo evidenti, già con questa limitata operazione, si ha avuto un notevole miglioramento del modello,  mancano i razzi come da disegno della scatola. Avevo optato per l’auto costruzione, ma non avendo le misure precise e la reale consapevolezza dell’uso, mi son limitato a mettere i pod con i cannoni.
Sono stati sostituiti i seggiolini con due in resina regalati dall’amico Vincenzo Marzolla, il modello è comunque una buona base per fare un buon modello dettagliato, anche e mi sono limitato a poche modifiche.
Per la colorazione mi sono adeguato un pò alle istruzioni e un pò alle foto inviate dall’amico Sergio Bellomo,    con la quale sono riuscito a presentarvi questo velivolo pilotato dal Tenete Crippa, usato in azione contro unità della Royal Navy.
Ho ancora in mente le gesta dei piloti Argentini durante questa Guerra, che si sono guadagnati il rispetto sul campo di battaglia degli inglesi, e da come ho letto, solo  il cattivo funzionamento di alcune bombe, che hanno colpito unità senza esplodere, hanno limitato i danni alla Royal Navy.
Un modello onesto che, con qualche modifica rende bene l’idea di questo aereo famoso sopratutto nel suo ruolo primario, l’addestramento.
Nella scatola troveremo anche un esemplare in carico alle forze aeree degli Emirati Arabi uniti, uno della Scuola Basica Iniziale Aviogetti della Aeronautica Militare Italiana,  e infine un velivolo del Reparto Sperimentale Volo sempre dell’Aeronautica Militare Italiana.
Genova -  Italia   27 gennaio 2015



Maurizio Ugo









Condor by Tristano Perotta

Cari amici, oggi torna su Modellismo Che Passione, Tristano Perotta, che ha progettato e realizzato questo bel motoaliante d'epoca,  per ulteriori informazioni anche su un eventuale kit, potete scrivere direttamente a Tristano
all'indirizzo : tristanoperotta@gmail.com

lascio a lui la parola sulle descrizione della costruzione:


Modello realizzato partendo dal trittico di Martin Simmon e riprodotto in scala 1/7, che ne fa un modello di 2,56m di apertura alare.
La costruzione mi ha dato non pochi grattacapi per la sua realizzazione, ma grande è stata la soddisfazione poi nel volo
Per essere un modello di questa tipologia è atipico, in quanto è molto piccolo ed in piu è motorizzato, in modo tale da renderlo un aliante con i baffi (elica pieghevole). Magari non piacerà a molti, vedendolo "meno puro" "questo aliante di tale bellezza..per cui .. ai puristi del volo a vela che chiedo venia per questo, ma li sfido a venire a volare dalle mie parti...con un aliante puro di queste dimensioni

Un’altra soluzione sarebbe stata quella di aerotrainarlo, ma risulta un’operazione per noi complessa e richiede un trainatore con relativo pilota, oltre che molto allenamento ed affiatamento...cosa non possibile in quanto il Condor è stato realizzato per un caro amico che spesso va a volare da solo e senza premeditazione

Egli infatti, voleva un modello piccolo e facile da trasportare, che gli consentisse di andare a volare in assoluta autonomia. Purtroppo però, dalle nostre parti, ovvero in Puglia, in pieno tavoliere e quindi senza pendii, l’unica soluzione era un bel motore nel naso...anche se ho cercato di mimetizzare l'orrore il piu' possibile, grazie ad un’azzardata soluzione ardita, realizzando un acrocco che permettesse di far fuoriuscire la sola elica dal naso  e che non alterasse la linea del modello.

Caratteristiche Tecniche:
 Scala 1 /7 
Apertura alare 2.56 m 
Peso 1,100kg
 Motore 1100kv, elica 10x6 pieghevole Lipo 3S e regolatore da 30A