martedì 31 dicembre 2013

realizzare le pale di un autogiro

Cari amici, vi mostro un sistema, puramente pratico (non di mia invenzione) per realizzare le pale di un autogiro. quets , in base alla dimensione, possono essere realizzate totalmente in balsa (piccole pale) o miste in tiglio/balsa. In pratica quello che andremo a costruire, utilizzando del comune compensato di spessore 0.8/1cm, sarà una sorta di pantografo. L'immagine sarà molto più esaustiva.

domenica 29 dicembre 2013

Recensione Macchi MC 200 SAETTA Hobby Boss “easy” scala 1/72



Il modello del Macchi MC200 in questione, si va a inserire tra il vecchio modello Revell, e gli ultimi Special Hobby, RCR , rappresentato da una particolare caratteristica di montaggio, facilitato, che ci porta in poco tempo ad avere un buon modello.


Non privo di alcuni gravi problemi, risolvibili comunque, una volta finito fa la sua bella figura. Come pregi abbiamo: una finitura incisa bene, con particolari della fusoliera e delle ali, molto fini, facilità di assemblaggio, linea, che ad occhio, senza misurarlo su disegni, risponde bene, decal di qualità, insomma un notevole passo avanti rispetto al mitico Revell, con finiture, direi superiori agli altri modelli.


Le ali in un sol pezzo, la fusoliera anche, i timoni di profondità agevolano il montaggio, rendendo molto precisa la geometria del velivolo Decals per due reparti diversi, il “canopy”, che si presta anche per altre versioni, intervenendo con un taglio preciso sul trasparente.


Come difetti abbiamo: Mancanza assoluto del filtro dell’aria, ma presente il suo relativo scasso per sistemarlo nel modello, che ci porta a una autocostruzione, o alla ricerca di filtri simili, tipo G 50/CR42 AS, che a volte troviamo nei nostri magazzini di pezzi. Mancanza assoluto dei portelli interni dei carrelli, che occorre ricostruire…. Se servono le parolacce dette da me quando mi sono accorto di questi due errori…anzi ORRORI, sono disponibile…. Particolari, presenti negli altri kit, escluso il Revell, molto limitati o assenti, tipo interni cabina di pilotaggio, o vano carrelli, e motore, ma questi sono il frutto del compromesso della serie “EASY”



Conclusione.
Avremo un bel modello a patto di trovare una soluzione decente hai due problemi, un prezzo ragionevole, lo consiglio, avendo fatto anche gli altri, di tempo tutto sommato, se siete come me che avete premura di finire, per terminarlo, non ne occorre molto, e ci porta alla verniciatura, che con i modelli italiani, c’è sempre da sputare sangue…. Buon modellismo Maurizio







Maurizio Ugo

domenica 22 dicembre 2013

un piccolo ULM 3assi elettrico...

Eccovi un piccolo Ultraleggero 3 assi costruito in alluminio e Depron da mio padre...questo è il volo di collaudo


Antonio Di Giacomo

lo splendido SM-79

Eccovi una splendida riproduzione in scala 1/6,6 , autocostruita del Gobbo Maledetto..attualmente questo modello è in fase di restauro.Buona visione!

Amarcord di Antonio Russo

Carissimi Amici, eccovi alcune foto di tanta bella storia.
Anni felici di un tempo lontano: il primo volo non si scorda mai Gorizia 30/7/1973 corso di cultura aeronautica x studenti, il solo calabrese presente! 1974 pianoro delle Casermette in Castrovillari, vari modelli tra cui il  Fiat G 55 Centauro ed il Macchi MC 202;
1978 stesso pianoro con il mio progetto 44 , Baga e Aermacchi mb 308; Castrovillari 1979, il mio progetto 46, il primo acrobatico a superare il 1,60 mt, tutti rigorosamente in VVC. 
Palermo Boccadifalco 1985, il  PUMA,  mio 2° modello rc... E con quello ho imparato a volare. Il resto e tanta storia che continua.